Fascicolo Elettronico: importante ruolo anche del CNR nell’avvio

Con le due convenzioni firmate lo scorso anno da Agid e dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, si è stabilito l’importante ruolo che avrà anche il CNR nella fase di avvio operativo del Fascicolo Elettronico.

Fascicolo Elettronico e CNR saranno legato, in quanto quest’ultimo si occuperà di avviare diverse attività di ricerca e sperimentazione in ambito Sanità Digitale, fornendo un grande contributo all’evoluzione del Fascicolo Sanitario Elettronico.

Il contributo del CNR nell’avvio del Fascicolo Elettronico

Con due progetti principali, il CNR sarà di supporto alle regioni e alle province autonome che adotteranno l’Infrastruttura nazionale di interoperabilità per il Fascicolo Elettronico, rilasciata il 22 dicembre 2015.

In particolare, i due progetti che avranno questa funzione avranno il nome di:

In cosa consiste l’infrastruttura

Attraverso l‘infrastruttura nazionale sarà possibile la realizzazione di servizi di interoperabilità, tra cui:

Tali servizi verranno stabiliti a partire dalle esigenze di ciascuna regione, già messe in evidenza dal tavolo tecnico sull’FSE, composto da: Agid, Ministero della Salute, CNR, Ministero dell’Economia e delle Finanze e dalle Regioni Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto.

Il CNR per il monitoraggio delle attività del Fascicolo Elettronico

In aggiunta a ciò, la collaborazione tra Agid e CNR porterà a un lavoro di monitoraggio delle attività, finalizzate anche ad supportare le regioni non pienamente operative.

Inoltre, il CNR, rappresentando l’Istituto di Informatica e Telematica (IIT) e dell’Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni (ICAR), organizzerà tavoli di discussione relativi ai corretti usi del Fascicolo Elettronico, a partire da esempi d’eccellenza delle realtà locali.

 


Hai una struttura sanitaria o sei un libero professionista in ambito sanitario? Scopri i servizi di GIPO, Software Gestionale Medico, per usare il nuovo Fascicolo Elettronico.

icona call center Vuoi parlare con un nostro esperto?

Chiama il numero verde 800 944 311 oppure contattaci

Chiamaci Scrivici