Dal 1/7/2018 alcune categorie di medici e professionisti della salute hanno l’obbligo di emettere fattura elettronica, forse anche tu!

Sei un medico o un professionista della salute che fattura ai poliambulatori convenzionati col Sistema Sanitario Nazionale? Dal 1° luglio 2018 hai l’obbligo di emettere fattura elettronica!

Mancano solo 10 giorni, ecco cosa devi sapere.

Fra pochi giorni scatta l’obbligo della fattura elettronica per i subappaltatori della Pubblica Amministrazione

Come è noto l’obbligo alla fattura elettronica varrà per tutti a partire dal 1° gennaio 2019, ma per alcuni soggetti, comprese alcune categorie di medici e professionisti della salute, è anticipato di 6 mesi.
Fra 10 giorni infatti scatterà l’obbligo all’emissione della fattura elettronica per i carburanti e per i subappalti nella Pubblica Amministrazione.

L’obbligo quindi non riguarda solo i soggetti che lavorano in appalto, ma anche coloro a cui vengono date in subappalto alcune attività.

Se il committente è un Ente pubblico, dato che il subappalto è un contratto derivato, l’obbligo si estende anche ai terzi incaricati di eseguire l’opera o il servizio: i subappaltatori e i subcontraenti che operano in un contratto di appalto di lavori, di servizi o fornitura.

Come funziona: l’obbligo è fino al 3° soggetto coinvolto

Nel subappalto con una PA, infatti, sono coinvolti 3 soggetti:

1° soggetto: il committente, cioè l’Ente Pubblico
2° soggetto: l’appaltatore, per esempio il poliambulatorio convenzionato col SSN
3° soggetto: il subappaltatore, per esempio il medico o il professionista che presta la sua attività presso il poliambulatorio convenzionato col SSN

Facciamo un esempio: il poliambulatorio Giallo (2° soggetto) è convenzionato con il SSN (1° soggetto) e per questo si avvale della prestazione di un certo numero di medici e professionisti della salute (3° soggetto).

Il flusso di fatturazione quindi prevede che dal 1° luglio le fatture da Giallo verso il SSN dovranno essere in formato elettronico, così come le fatture emesse dai medici e professionisti nei confronti del poliambulatorio.

L’obbligo però non coinvolge i professionisti oltre il 3° soggetto della filiera. Quindi dal 4° in poi non è necessaria la fattura elettronica: lo scambio delle fatture on line dovrà avvenire solo tra il titolare del contratto d’appalto e i suoi subappaltatori diretti.

Cosa scrivere in fattura?

I soggetti obbligati dovranno indicare nella fattura elettronica anche il Codice identificativo di gara (Cig) e il codice unico di progetto Cup perché sia possibile monitorare i flussi finanziari collegati all’appalto, l’adempimento degli obblighi contribuitivi e di pubblicità.

Anche tu rientri fra i soggetti obbligati?
Ti consigliamo, se ancora non lo hai fatto, di chiedere aiuto al tuo Commercialista per gli adempimenti fiscali.

GIPO invece può aiutarti con un software che ti permetterà di emettere fattura elettronica in modo semplice e veloce! Contatta un nostro esperto per saperne di più.

Fonti per la redazione dell’articolo:
Subappalti, subforniture e fatturazione elettronica dal 1.7.2018 – L. 205/2017
Dal 1° luglio obbligo di fatture elettroniche tra impresa principale e subappaltori: esclusi i subfornitori più a valle

icona call center Vuoi parlare con un nostro esperto?

Chiama il numero verde 800 944 311 oppure contattaci

Chiamaci Scrivici