Visite mediche virtuali con l’Ambulatorio Smart

Stiamo vivendo un periodo molto particolare, dove l’emergenza Covid-19 ci costringe a restare chiusi in casa, a rimanere distanziati e a limitare il più possibile gli spostamenti fuori dalle abitazioni. Per contenere il contagio molte attività non essenziali sono state chiuse, ma le cure non possono fermarsi e sono numerose le persone che devono sottoporsi a visite mediche che spesso non possono essere rimandate. Come proseguire l’attività ambulatoriale, limitando il più possibile i contatti tra medico e paziente e l’affollamento in sala d’attesa? La soluzione è l’Ambulatorio Smart che in Gipo abbiamo messo a punto per offrire un servizio comodo e rapido per passare facilmente dalla gestione dell’ambulatorio reale a quella dell’ambulatorio virtuale e viceversa.

Dal reale al virtuale: in GIPO lo facciamo già!

In GIPO abbiamo già attivato da tempo la possibilità di lavorare da casa. Lo abbiamo fatto per noi e lo abbiamo fatto per i nostri clienti, trasformando tutti i prodotti GIPO in servizi WEB. Quindi sono soluzioni che i nostri clienti usano lavorando online, sia che si trovino in ambulatorio – quello reale, fisico e a contatto con il pubblico – sia da remoto, dalle loro case, mentre sono in Smart Working (ambulatorio virtuale).

Quando è scoppiata l’emergenza Covid-19, ci siamo mossi subito. Abbiamo attivato la procedura per il lavoro da remoto e oggi lo staff di GIPO lavora in Smart Working come se tutti i dipendenti fossero in un unico ufficio. Centralino telefonico, voip, Office 365, VPN già strutturate per accedere ai computer locali e altro ancora sono strumenti che esistono da anni – ignorati da molte aziende italiane – che noi di GIPO non abbiamo mai sottovalutato. Anzi, abbiamo lavorato per usarle al massimo del potenziale

L’esperienza in azienda ci è stata di aiuto perché ci ha permesso di mettere a punto delle soluzioni dedicate ai nostri clienti, per gestire l’ambulatorio anche a distanza, evitando il più possibile gli incontri tra pazienti, staff e operatori sanitari.

Cos’è l’Ambulatorio Smart e la soluzione che abbiamo sviluppato in GIPO

Con l’Ambulatorio Smart il paziente è assistito da remoto. Quindi, in pratica, è un ambulatorio che può modulare in maniera veloce l’erogazione delle proprie prestazioni da reale a virtuale, utilizzando la medesima piattaforma per gestire i processi.

Mentre prima si prenotava la visita, si andava in ambulatorio e si aspettava in fila il proprio turno, ora le cose sono un po’ diverse. Si può prenotare la prestazione e pagare online, poi, il giorno dell’appuntamento il medico si mette in contatto con il paziente, refertando e consegnando l’eventuale prescrizione farmacologica, da remoto. Il processo è uguale anche per la fisioterapia, con il fisioterapista che, in remoto, detta un piano riabilitativo al paziente.
Si stima che questa soluzione possa coprire circa il 40% delle potenzialità di un ambulatorio di medie dimensioni, anche perché non tutte le prestazioni possono essere erogate da remoto – grazie al teleconsulto medico (televisita), la refertazione e gli altri servizi online che mettono in collegamento medico e paziente – in alcuni casi servono strumenti diagnostici che non possono essere trasportati altrove, quindi la visita deve avvenire per forza in ambulatorio. 

Il problema però è che, parlando di Ambulatorio Smart, si considerano tecnologie singole e non integrate tra loro, che comportano enormi perdite di tempo per collegarsi in remoto con un paziente o gestire il suo backoffice.

In Gipo abbiamo studiato una soluzione che supera queste criticità. Grazie all’App MyGipo – integrata con l’ecosistema GIPO (GIPONEXT, Referti.online, GIPO SmartQ) – il processo è più rapido e comodo: 

Come fare però quando la visita non può essere virtuale e medico e paziente devono per forza incontrarsi? Abbiamo pensato anche a questo.

La soluzione GIPO per evitare gli assembramenti in ambulatorio 

Un altro problema legato dal contenimento del Covid-19 è il divieto di  assembramenti. Come evitarli in ambulatorio, dove spesso la sala d’attesa è sovraffollata? Tra le possibilità incluse nell’App MyGipo c’è anche quella della gestione intelligente degli accessi. L’ambulatorio può controllare le code in modo da evitare che la sala d’attesa sia piena, grazie alla soluzione che stiamo mettendo a punto: Gipo SmartQ.

Gipo SmartQ si integra con l’App MyGipo e fa sì che il paziente abbia in tempo reale, direttamente sul suo Smartphone, la situazione dell’appuntamento. Per esempio, se c’è un ritardo rispetto all’orario concordato, il paziente può attendere fuori dalla struttura sanitaria. Il medico lo chiamerà, direttamente dall’App, quando è effettivamente il suo turno evitando in questo modo di affollare la sala d’attesa col rischio di infettare o essere infettati. Gipo SmartQ permette di:

In questo modo, tramite App e SmartQ, il procedimento è semplice sia per lo staff che per i pazienti: il paziente attende il suo turno in auto o fuori dall’ambulatorio, tramite l’App installata sul suo telefono, può sapere anche se ci sono ritardi sull’orario stabilito. Per esempio se la visita era prevista per le 17, dall’App vede se c’è un ritardo e può organizzarsi per andare in ambulatorio quando effettivamente è il suo turno. Quando il turno si avvicina,  l’ambulatorio contatta  il paziente tramite l’App invitandolo ad entrare. 

Il momento di grande emergenza richiede soluzioni più rapide e veloci, perché le cure non possono fermarsi. Grazie all’Ambulatorio Smart e ai software gestionali di GIPO è possibile effettuare le visite mediche necessarie nella maniera più sicura possibile per tutti, sia per i pazienti che per i medici.

icona call center Vuoi parlare con un nostro esperto?

Chiama il numero verde 800 944 311 oppure contattaci

Chiamaci Scrivici