Regime Forfettario 2016: le agevolazioni previste

Il 25 gennaio 2016, con il messaggio n. 286, l’INPS è intervenuta sulla questione dei contributi agevolati per i soggetti che rientrano nel regime forfettario a partire dall’esercizio 2016.

Il contribuente titolare di partita Iva, esercente di attività d’impresa, in base al Regime Forfettario 2016, può utilizzare due tipologie di regime contributivo: ordinario e agevolato.

Il regime contributivo agevolato

Il regime agevolato prevede un contributo ridotto del 35% e per accedervi è necessario effettuare la scelta tramite una comunicazione apposita.

I contribuenti hanno la possibilità  di usufruire dell’assistenza degli iscritti all’albo dei consulenti del lavoro:

Non tutti i contribuenti titolari di partita Iva possono accedere al regime previdenziale agevolato. Può accedervi chi rientra nel regime forfettario e chi, svolgendo attività d’impresa,  ha l’obbligo di iscrizione alla gestione separata INPS artigiani e commercianti.

Sono pertanto esclusi dalla possibilità di accedere al regime agevolato i contribuenti che:

Come accedere al regime forfettario agevolato

Nel Regime Forfettario 2016 i contribuenti titolari di partita Iva che svolgono attività d’impresa possono accedere al regime agevolato tramite comunicazione telematica all’INPS.

La comunicazione deve essere effettuata mediante la compilazione e l’invio dell’apposito modulo presente nel “Cassetto Previdenziale per Artigiani e Commercianti”.

Come compilare la comunicazione INPS nel Regime Forfettario 2016

Per accedere ai contributi INPS ridotti la comunicazione INPS  deve essere compilata:

Queste le agevolazioni per i contribuenti nel Regime Forfettario 2016 e alcuni consigli per ottenerle.


Hai una struttura sanitaria e necessiti di un Software di Gestione Studio Medico per la tua contabilità? Scopri GIPO!

icona call center Vuoi parlare con un nostro esperto?

Scrivici