Regime Forfettario 2016: le agevolazioni previste

Il 25 gennaio 2016, con il messaggio n. 286, l’INPS è intervenuta sulla questione dei contributi agevolati per i soggetti che rientrano nel regime forfettario a partire dall’esercizio 2016.

Il contribuente titolare di partita Iva, esercente di attività d’impresa, in base al Regime Forfettario 2016, può utilizzare due tipologie di regime contributivo: ordinario e agevolato.

Il regime contributivo agevolato

Il regime agevolato prevede un contributo ridotto del 35% e per accedervi è necessario effettuare la scelta tramite una comunicazione apposita.

I contribuenti hanno la possibilità  di usufruire dell’assistenza degli iscritti all’albo dei consulenti del lavoro:

Non tutti i contribuenti titolari di partita Iva possono accedere al regime previdenziale agevolato. Può accedervi chi rientra nel regime forfettario e chi, svolgendo attività d’impresa,  ha l’obbligo di iscrizione alla gestione separata INPS artigiani e commercianti.

Sono pertanto esclusi dalla possibilità di accedere al regime agevolato i contribuenti che:

Come accedere al regime forfettario agevolato

Nel Regime Forfettario 2016 i contribuenti titolari di partita Iva che svolgono attività d’impresa possono accedere al regime agevolato tramite comunicazione telematica all’INPS.

La comunicazione deve essere effettuata mediante la compilazione e l’invio dell’apposito modulo presente nel “Cassetto Previdenziale per Artigiani e Commercianti”.

Come compilare la comunicazione INPS nel Regime Forfettario 2016

Per accedere ai contributi INPS ridotti la comunicazione INPS  deve essere compilata:

Queste le agevolazioni per i contribuenti nel Regime Forfettario 2016 e alcuni consigli per ottenerle.

 


Hai una struttura sanitaria e necessiti di un Software di Gestione Studio Medico per la tua contabilità? Scopri GIPO!

 

icona call center Vuoi parlare con un nostro esperto?

Chiama il numero verde 800 944 311 oppure contattaci

Chiamaci Scrivici