Digital Health: pazienti nativi digitali, conoscerli per curarli

I ragazzini inglesi tra i 12 e i 15 anni trascorrono più di 20 ore alla settimana online, secondo i dati dell’Ofcom che fotografano quanto, ormai, per i bambini e gli adolescenti di oggi sia diventato usuale utilizzare internet. E questo uso non è soltanto finalizzato all’intrattenimento, ma anche all’informazione. Secondo quanto emerso, in Italia, dal progetto Diagno//Click patrocinato dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza e promosso dall’associazione FamilySmile, quasi 8 adolescenti su 10 cercano sul web informazioni a proposito della propria salute. Senza sottovalutare l’ampio seguito di personaggi più o meno famosi sui social network e l’emergere di figure competenti in ambito scientifico, gli health influencer, che si occupano di divulgazione anche verso i giovani.

La dimestichezza dei nativi digitali con il web e la propensione a ricercare informazioni a proposito della propria salute pone una questione anche dal punto di vista medico. Come curare pazienti così digitali? La digital health e patient engagement sono due risposte possibili, scopriamo in cosa consistono.

Cosa vogliono sapere della propria salute i pazienti nativi digitali?

Secondo quanto emerso dal progetto Diagno//Click, che ha coinvolto 1713 adolescenti dai 14 ai 19 anni delle scuole superiori in 10 Regioni Italiane, il 77% dei ragazzi coinvolti cerca informazioni su internet a proposito della propria salute. Sia maschi che femmine ricorrono al “dottor Google”, ponendo, però, domande differenti: le adolescenti sono infatti più interessate all’alimentazione, gli adolescenti alla sessualità. Preferenze che cambiano mano a mano che passa il tempo: a 19 anni, infatti, le ragazze cercano informazioni a proposito delle malattie sessualmente trasmissibili, mentre i coetanei maschi puntano tutto su allenamento e alimentazione.

In entrambi i casi, solo un adolescente su quattro dopo aver completato la ricerca ne parla con i propri genitori, nonostante la sensazione non sia quella di aver fatto chiarezza, ma piuttosto una generale confusione e addirittura ansia per quello che è stato scoperto. L’82% degli intervistati, infatti, ha dichiarato di sentirsi confuso e di non aver capito pienamente quanto letto o ascoltato, ma di essere contemporaneamente soddisfatto per aver trovato risposta al propri dubbi.

televisita

La salute è vista soggettivamente e internet viene usato per la semplicità

L’indagine aveva, inoltre, l’obiettivo di capire quale fosse l’idea di salute che hanno i giovani, piuttosto distante, per ragioni generalmente anagrafiche, da come viene intesa per esempio dal sistema sanitario nazionale. Salute è assimilabile allo stare bene e, come riportato dai promotori del progetto, è legata “ per lo più legato ad una visione soggettiva. Per alcuni è un corpo scolpito, per altri, la morte, per altri ancora la materialità del possesso. La salute è, dunque, la rappresentazione ideale di ciò che i giovani vogliono essere o tendono a divenire. Ed è per questo che i giovani cercano prima di tutto notizie relative al benessere, allo “stare in buona salute” intesa come necessità prevalente di possedere un corpo in forma e di controllare l’alimentazione, anche se la materia della ricerca cambia nel corso degli anni.”

Perché, infine, i nativi digitali usano proprio internet per informarsi a proposito della salute? Nove adolescenti su dieci rispondono che è la disponibilità di informazioni in qualsiasi momento, direttamente dal computer e ancor più spesso dallo smartphone, è la ragione per cui il web prevale anche sugli specialisti. Altri indicano anche la velocità di accesso alle informazioni come determinante, mentre pochissimi (solo il 2%) ritiene il web più affidabile di un familiare o di un medico.

Come curare i nativi digitali? La risposta è digital health

I medici, gli infermieri, gli operatori sanitari già sanno quanto può essere complesso relazionarsi con pazienti che si presentano in ambulatorio dopo aver consultato Google e, addirittura, con un’ipotesi di diagnosi. È altrettanto riconosciuto come, online, si possano trovare informazioni attendibili, redatte e supervisionate da professionisti del settore, come vere e proprie bufale, notizie false che possono essere particolarmente dannose quando riguardano la salute.

Il rapporto tra pazienti e web pone, innanzitutto, delle concrete sfide ai medici che sono costretti ad adattare la comunicazione con i pazienti a questo fenomeno. Quando si parla, poi, di pazienti nativi digitali, questa attenzione è ancor più necessaria. I giovani d’oggi sono i pazienti sia nel presente che nel prossimo futuro e crescono già abituati a farsi aiutare dal web in caso di necessità.

In che modo, dunque, il medico può far valere la propria professionalità e riuscire a curare il giovane paziente molto smart? I concetti chiave sono due: digital health e patient engagement. Nel primo caso, il riferimento è alla necessità degli operatori sanitari di conoscere e utilizzare quegli stessi strumenti digitali e innovativi che per i pazienti nativi digitali sono automatici. È il caso, quindi, delle app di messaggistica, del “metterci la faccia” sui social, ma anche di utilizzare software ad hoc per la gestione dello studio medico aggiornati per comunicare con i pazienti o aggiornare l’agenda degli appuntamenti.

La “patient engagement”, invece, è la tendenza a coinvolgere un paziente interessato a saperne di più della propria salute, incoraggiandolo a fare ricerca e fornendo direttamente delle informazioni integrative rispetto a quello che già dimostra di sapere. È il caso, per esempio, del dare più nozioni ad un paziente che sembra riconoscere il linguaggio tecnico, oppure raccogliere e, se sono validi, approfondire gli spunti che emergono in ambulatorio.

Naturalmente ciò è possibile solo se esiste un rapporto di fiducia e di riconoscimento reciproco. Il medico deve essere consapevole che il paziente ha diritto di informarsi online, mentre al paziente è richiesto di riconoscere l’importanza di rivolgersi ad uno specialista che è il solo a poter valutare la propria condizione personale e, nel caso, effettuare una diagnosi.

Entrambi questi aspetti di innovazione, digital health e patient engagement, diventeranno ancor più importanti con i pazienti nativi digitali per cui, come confermano i dati, la ricerca sul web anche a proposito della salute è già realtà. I medici sono pronti?

icona call center Vuoi parlare con un nostro esperto?

Scrivici
Trasforma le chiamate perse in una fonte di profitto!
Con un solo strumento, non solo recuperi le chiamate perse al tuo centro, ma le trasformi in nuovi appuntamenti!