Sito web dello studio medico e del poliambulatorio: come scrivere la pagina Contatti

Home page, pagine di servizio, about page sono alcune delle pagine fondamentali di un sito internet. Sia che si tratti del sito web di uno studio medico o di un poliambulatorio, sia che si tratti del sito di un professionista o di un’azienda, devono contenere informazioni utili per gli utenti, immagini – se disponibili magari anche dei video! -, così come pulsanti e link che aiutino le persone a navigare ed esplorare altri contenuti. Sono elementi che non dovrebbero mancare mai!

Non fa eccezione la (spesso sottovalutata) pagina Contatti.

Questa è, infatti, una pagina fondamentale per qualsiasi attività – comprese le strutture sanitarie come i poliambulatori e gli studi medici – e deve contenere tutte le informazioni utili all’utente per contattare in pochi secondi l’ambulatorio. È quindi una vera e propria pagina di conversione ed esistono delle linee guida utili da seguire per poterne sfruttare al meglio il potenziale.

Vuoi sapere quali sono?
Ne parliamo nei prossimi paragrafi, ma prima è importante chiarire qual è il ruolo della pagina di contatto di un sito web. 

L’obiettivo della pagina Contatti? Convertire, cioè spingere le persone a scrivere o a telefonare

L’obiettivo principale della pagina Contatti è quello di convertire, deve quindi contenere tutto quello che serve all’utente per contattarti in modo semplice ed immediato: l’indirizzo del tuo poliambulatorio o studio medico, il numero di telefono della struttura (o eventualmente il cellulare che usi per lavoro), un form di contatto e l’email. 

Infatti, quando un paziente clicca sulla pagina Contatti, di solito lo fa perché ha intenzione di chiederti qualcosa: un preventivo, informazioni, consigli o per darti un feedback.

In questa fase, l’utente è in procinto di passare allo step successivo di quello che nel marketing si chiama funnel di vendita, cioè il percorso che il potenziale cliente compie dal momento in cui realizza di avere un problema, fino all’acquisto e al post vendita. 

La pagina contatti nel patient journey

Per gli studi medici e i poliambulatori il discorso non è molto diverso, il patient journey funziona in maniera simile al percorso d’acquisto del cliente di un’azienda o di un professionista.

Il potenziale paziente, dopo una fase iniziale di ricerca di informazioni, mette a fuoco la sua esigenza e cerca soluzioni; nel farlo, esplora più possibilità, naviga diversi siti internet, le pagine social, le recensioni di diverse strutture e studi medici, ascolta il parere di amici e parenti. Alla fine, una volta convinto, contatta.

Dunque in questa fase si consuma un momento importante nell’esperienza di chi  entra in contatto per la prima volta con la tua struttura (fondamentale soprattutto se stai cercando di aumentare il numero dei tuoi pazienti). Ne consegue che la pagina Contatti deve essere pensata per rendere le cose semplici e immediate a chi vuole scriverti o chiamarti. 

Le informazioni indispensabili che non possono mancare nella pagina Contatti

Abbiamo già anticipato quali sono gli elementi essenziali che la pagina Contatti dovrebbe avere, si tratta:

Il consiglio è di indicare sempre anche gli orari, soprattutto quando si ricevono molte telefonate.

Specificare gli orari di apertura e chiusura infatti è molto importante perché, se i pazienti vogliono telefonarti o recarsi direttamente nella sede del tuo ambulatorio, senza questa informazione potrebbero contattarti o passare negli orari di chiusura e, non ricevendo risposta, decidere di contattare un altro studio.

Un altro accorgimento è aggiungere anche i collegamenti ai social, come Twitter, Facebook, Instagram e LinkedIn. È un ottimo modo per offrire ai visitatori un’alternativa per interagire con la tua struttura.

Puoi anche far sapere se c’è la disponibilità di parcheggio in zona o se l’ambulatorio è vicino a luoghi di interesse: la stazione, l’uscita della metro, lo stadio cittadino e così via. In questo modo sarà più facile trovarti.

Infine, fai sapere alle persone quali sono i tempi di risposta alle loro richieste di contatto. Scegli un lasso di tempo accettabile e non troppo lungo, che sai di poter rispettare. Sarà molto utile per chi ti scrive sapere quanto dovrà attendere per avere una tua risposta. È bene evitare formule criptiche come “il prima possibile” o “al più presto”. Sono rassicuranti per chi scrive – perché è un modo per dire “non temere, ti risponderemo” – ma instillano dubbi e incertezza in chi legge. 

Puoi approfittarne per parlare anche della tua struttura

Nella pagina Contatti è importante inserire tutte le informazioni indispensabili per essere contattati, ma non bisogna fermarsi qui. Anzi, è utile riassumere alcuni aspetti essenziali che caratterizzano il tuo studio medico o poliambulatorio.

Infatti, non sempre chi arriva sulla pagina Contatti sa già di cosa ti occupi nello specifico, ma potrebbe essere atterrato da una campagna Google Ads, dai social o dal menu di navigazione.

Inserendo poche righe sul tuo poliambulatorio – per esempio indicando quante specializzazioni ha e che tipo di patologie vengono curate – e dei tuoi servizi, puoi aiutare il paziente a convincersi definitivamente e a contattarti.

Attenzione alla coerenza dei NAP per la ricerca locale

Se hai creato una scheda su Google My Business per la tua struttura (o per le tue strutture, se hai più sedi), quando crei la pagina Contatti, fai attenzione che Name, Address e Phone (NAP) siano gli stessi della scheda Google My business e viceversa. 

Nome (Name) dell’attività, indirizzo (Address) e numero di telefono (Phone) devono essere consistenti, cioè uguali ai dati inseriti nella scheda di Google My Business di ogni sede e delle pagine social (Facebook, Instagram, LinkedIn e così via). 

I NAP giocano un ruolo importante soprattutto nelle ricerche locali, perché Google ha bisogno che questi dati siano coerenti sui vari siti in cui sono indicati per poter associare il NAP ad ogni attività e dare i giusti risultati alle ricerche degli utenti. 

Per fare un esempio, se un paziente cerca un centro specializzato in fisioterapia a Firenze, Google restituirà una pagina con i poliambulatori fiorentini che offrono questo servizio e che sono geograficamente più vicini al luogo in cui si trova la persona al momento della ricerca.

Il tuo poliambulatorio ha più sedi? Meglio avere una pagina per ognuna di esse

I poliambulatori possono avere varie sedi, ma quando un paziente vuole prenotare una visita o un esame, quasi certamente, vorrà mettersi in contatto con la sede più vicina a dove vive o lavora. Per questo è importante creare una pagina di contatto specifica per ogni sede, in cui riportare le informazioni indispensabili e, in aggiunta, lasciando anche delle indicazioni su come raggiungere la sede con i mezzi pubblici e l’auto, indicando, se presenti, i parcheggi nelle vicinanze. 

I plus: form di prenotazione online, chat e chatbot

Oltre alle informazioni principali e ad un eventuale testo introduttivo che sintetizzi le terapie e le specialità del tuo poliambulatorio e i principali servizi che offri, potresti valutare di inserire alcuni plus per permettere ai pazienti di contattarti in modi alternativi alla classica mail e alla telefonata. Puoi aggiungere, per esempio, un form di prenotazione online e la chat in tempo reale.

Form di prenotazione: appuntamenti aggiornati in pochi clic

Alcuni pazienti preferiscono utilizzare i form di contatto, altri invece preferiscono spiegare tutto in una mail, quindi è consigliabile mettere a disposizione entrambe le soluzioni.

Ma i form di prenotazione online renderanno tutto ancora più semplice!

Con un software gestionale – come, per esempio, GIPO NEXT – puoi facilmente integrare le prenotazioni online con l’agenda del poliambulatorio e gestire anche la refertazione e la fatturazione da remoto. Tu hai sotto controllo tutto il processo legato al paziente, il paziente invece può prenotare visite, pagare, ritirare i referti online comodamente e in pochi attimi, ovunque si trovi.

Assistenza via chat e con i chatbot: rapida e utile, anche quando l’ambulatorio è chiuso

La chat permette al paziente di comunicare in tempo reale con un operatore.
È un modo per rimanere in contatto e dare risposte più velocemente e in diretta, aumentando la possibilità che il paziente converta, cioè prenoti una visita o richieda informazioni. In questo caso è importante che ci sia sempre un operatore dall’altra parte, disponibile a rispondere ad ogni domanda.

Per questo, sempre più spesso, la chat umana viene sostituita dai chatbot: robot che interagiscono con l’utente attraverso una chat, simulando una conversazione naturale per rispondere a domande semplici e di routine. Il vantaggio? I chatbot sono sempre attivi: giorno e notte, dal lunedì alla domenica, festivi compresi. E per le domande più complesse? Meglio che a rispondere sia una persona in carne e ossa, che può cogliere emozioni e paure dei potenziali pazienti.

Cerchi un software gestionale che ti permetta di arricchire l’esperienza dei pazienti che entrano in contatto con la tua struttura? 

Prova GIPO NEXT

icona call center Vuoi parlare con un nostro esperto?

Scrivici
Trasforma le chiamate perse in una fonte di profitto!
Con un solo strumento, non solo recuperi le chiamate perse al tuo centro, ma le trasformi in nuovi appuntamenti!